Hamra Abbas: Vivo per l'arte. Vivo con l'arte.

Sculture, video, foto, miniature. Riuscirò a guadagnare con le mie opere?

A partire dal 2 ottobre 2015, e fino al 31 gennaio 2016, a Torino, città che già in passato ha dimostrato di avere un occhio di riguardo per la valorizzazione delle belle arti ed in particolar modo per la pittura, presso la GAM, nota galleria d’arte moderna sita nel capoluogo piemontese, viene ospitata una interessantissima mostra di Claude Monet, tramite la quale vengono esposte oltre quaranta fra le più note opere del celebre artista francese.

Claude Oscar Monet, nato a Parigi il 14 novembre 1840, e deceduto a Giverny il 5 dicembre 1926, poche settimane dopo il compimento dei suoi 86 anni, è stato uno dei maggiori interpreti del movimento artistico relativo all’Impressionismo, se non addirittura il suo padre fondatore oltre che il suo più grande ispiratore.
Nato in una famiglia piuttosto umile e modesta, Claude Monet fu capace di segnalarsi sin dalla più giovane età come uno fra i migliori talenti artistici della sua generazione, dimostrandosi particolarmente versato nei confronti del disegno e della pittura.
Monet a TorinoAppena sedicenne, rimase orfano di madre, e nel giro di pochi anni, a seguito di una forte lite, perse anche il sostegno del padre, tanto che si trasferì presso una parente, una ricca zia che, notato il talento del nipote, decise di incoraggiare i suoi studi.
A Parigi, Monet conobbe, tra gli altri, uno dei più celebri artisti francesi di quegli anni, Edouard Manet, che in qualche modo esercitò una buona influenza su di lui.
Dopo qualche tempo di problemi economici e personali, gli ultimi due decenni dell’800 arrisero particolarmente a Monet, divenuto ormai pittore di fama consolidata e maggior interprete dell’Impressionismo.

La mostra sulle opere di Claude Monet, che prende il nome di “Monet. Dalle collezioni del Musée d’Orsay”, come dicevamo, si tiene presso la Galleria d’Arte Moderna di Torino, sita in via Magenta, numero civico 31.
Frutto di una collaborazione con il celebre Musée d’Orsay, specializzato proprio nella conservazione delle opere del celebre pittore francese, e che ospita, per altro, la più grande collezione al mondo di quadri e dipinti di Monet, questa esposizione è organizzata da Xavier Rey, Conservatore del Musée d’Orsay oltre che grande esperto di Claude Monet e dei suoi lavori, congiuntamente con Virginia Bertone, che ricopre il ruolo di Conservatrice presso la GAM.

La mostra viene allestita presso la sala dell’Exhibition Area, al primo piano della Galleria d’Arte Moderna di Torino, e propone, come dicevamo, oltre quaranta opere del grande maestro parigino. Fra di esse, molte delle quali particolarmente note a livello internazionale, non possiamo non citare il celebre dipinto Studio di figura en plein air: donna con parasole girata verso destra, la cui figura è stata scelta non a caso come immagine simbolo della locandina realizzata appositamente per sponsorizzare la mostra.

Mostra di MonetPer quanto riguarda gli orari, la GAM è aperta tutti i giorni della settimana, ad eccezione del lunedì che invece è normale giorno di chiusura, dalle 10:00 fino alle 19:30. Variazioni di orario si avranno in concomitanza con alcune festività, come giovedì 24 dicembre, vigilia di Natale, dove la Galleria sarà aperta dalle 10:00 alle 14:00, o giovedì 31 dicembre, vigilia di Capodanno, che avrà il medesimo orario. Venerdì 1 gennaio, invece, giorno di Capodanno, la GAM sarà aperta dalle ore 14:00 alle ore 19:30. Giorno di chiusura sarà venerdì 25 dicembre, giorno di Natale, mentre per quanto riguarda altre festività, tra le quali l’1 novembre, l’8 dicembre, il 26 dicembre, ed il 6 gennaio, la mostra sarà aperta al pubblico al solito orario. Inoltre, lunedì 7 dicembre, giorno di ponte tra domenica 6 dicembre ed il martedì festivo dell’8 dicembre, la GAM sarà aperta al pubblico come qualsiasi altro giorno feriale.

Per quel che concerne i biglietti, la tariffa a prezzo intero per la sola mostra costa 12 euro, che salgono a 16 se si desidera visitare anche l’intero museo, mentre il ridotto costa 9 euro (12 per l’intero museo). La riduzione vale per i visitatori dai 6 ai 18 anni, e dai 18 anni ai 25 anni se si è studenti, oltre agli over 65 ed ai disabili. I gruppi pagano 8 euro ciascuno (11, per l’intero museo), mentre le famiglie composte da due adulti ed un minore di 14 anni pagano 24 euro (32, se si visita l’intero museo). L’ingresso è gratuito se si è in possesso della tessera Abbonamento Musei Torino Piemonte. All’occorrenza, sono disponibili anche delle guide, in lingua italiana o inglese, ad un prezzo maggiorato.